Verify Installation

Come utilizzare legalmente le foto che trovi online

come usare le foto online

come usare le foto online

Nel business digitale l’uso delle immagini e delle fotografie è un aspetto cruciale dell’attività quotidiana.

Non solo aiutano a rendere più belli i contenuti e i testi, ma anche gli algoritmi dei social più blasonati dimostrano una preferenza per i post con le immagini, per non parlare di piattaforme come Instagram e Pinterest che fanno delle immagini il loro cavallo di battaglia.

Tutte le immagini online sono libere?

Nonostante la facilità di reperimento di una quantità enorme di immagini e la facilità di trovare, con le giuste parole chiave, le immagini per esprimere qualsiasi concetto, anche astratto, le immagini online non sono tutte liberamente utilizzabili.

La legge sul diritto d’autore tutela anche le fotografie, seppur non tutte.

Quali tipi di fotografie sono coperte dal diritto d’autore

In primo luogo le “opere fotografiche” ricevono una piena tutela autorale, perché rientrano nelle opere dell’ingegno, di carattere creativo, che ricevono tutte le tutele offerte dalla legge sul diritto d’autore. In questo caso deve trattarsi di opere dotate di un certo livello di creatività, ove la tutela riguarda esclusivamente la forma espressiva e non l’oggetto della fotografia.

Potrebbe, quindi, costituire opera fotografica anche la semplice fotografia di una mela se, per la particolare inquadratura, luci o post produzione, vi siano elementi di originalità o creatività.

Se nella fotografia è ritratto il volto di una persona o, comunque, un’inquadratura che rende riconoscibile una persona, assume prioritaria tutela il diritto all’immagine, inteso come il diritto della persona a che la propria immagine non venga divulgata, esposta o comunque pubblicata, senza il suo consenso e fuori dai casi previsti dalla legge.

Peraltro l’immagine che ritrae una persona costituisce anche un dato personale, tutelato dalla normativa Privacy.

Anche le fotografie semplici ricevono tutela, seppur con margini inferiori. In tal caso il fatto di riportare il nome del fotografo (della ditta o del committente) e la data di produzione è un accorgimento utile per dichiarare al mondo la volontà di avere un certo controllo sull’utilizzo dell’immagine.

L’autore potrebbe, ad esempio, vietarne l’utilizzo in assoluto oppure potrebbe consentirne la condivisione - dato che c’è il suo nome ben in vista - per farsi un pò di pubblicità.

L’unico modo per saperlo é chiederglielo.

I diritti sulle fotografie hanno una durata di 20 anni dal momento in cui sono state scattate. Trascorso questo periodo, le foto diventano di libera utilizzazione.

Tutte le altre foto sono libere e, quindi, non coperte dal diritto d’autore.

Quindi come fare a sapere se posso utilizzare la fotografia?

Poiché il carattere creativo ed originale dell’opera è qualcosa che può stabilire a posteriori solo il giudice, quando la vertenza giunge in Tribunale, sulla base di criteri il più possibile oggettivi, non è possibile stabilirlo a priori con certezza matematica e non è saggio fare una valutazione personale, in base ai propri canoni e al proprio gusto.

Il gusto soggettivo non è un criterio per determinare, o meno, la qualifica di opera dell’ingegno.

La cosa da fare è sempre quella di verificare se sull’immagine che vogliamo utilizzare, vi sia un qualche diritto altrui, prima di utilizzarla.

Il compito non è difficile perché quando troviamo un’immagine online è facile risalire alla fonte della foto (sito o portale in cui è stata pubblicata).

Quindi inviare una semplice E-mail a quel sito e chiedere se esista qualche diritto su quella foto o se possa essere liberamente utilizzabile è una buona prassi per evitare di violare diritti d’autore altrui.

Oppure anche Google offre uno strumento per verificare le condizioni di utilizzo delle foto, ma come Google stesso dichiara, si tratta solo di uno strumento orientativo che non esclude la sussistenza di diritti d’autore di terzi su quella fotografia. 

Portali che offrono foto utilizzabili online

Ci sono tanti portali che offrono la possibilità di scaricare fotografie liberamente utilizzabili, sia a pagamento che gratuitamente.

Può essere un modo veloce per reperire facilmente le immagini senza pensieri, disponendo anche di un pratico motore di ricerca che aiuta a trovare velocemente l’immagine ricercata.

Ti segnalo, fra i tanti, Shutterstock (a pagamento) e Pixabay (gratuito, ad offerta libera).

Quindi niente facile copia-incolla ma solo prudenza ed intelligenza nell’impiego di fotografie trovate “in giro” per il web.


Se vuoi avere maggiori informazioni sulle regole da conoscere per la tua presenza online, scarica subito la Guida per evitare tutte le “trappole” presenti sul cammino di un imprenditore online.